700° Dante – Il Limbo di Dante e l’equità di accesso – Lezione di Teodolinda BaroliniTecnologie digitali e sviluppo umano dopo la pandemia700° Dante – Il “De vulgari eloquentia” con una noterella sul Trissino – Lezione di Lorenzo RenziSostenibilità ed equità intergenerazionale nel sistema pensionistico – Intervento di Elsa ForneroDonne e Scienza 2021 – Il saluto del presidente Gaetano ThieneDonne e Scienza 2021 – Il saluto del presidente di Classe Giuliano BellieniDonne e Scienza 2021- Cristina BassoDonne e Scienza 2021 – Giulia D’AmatiDonne e Scienza 2021 – Maria Berica RasottoDonne e Scienza 2021 – Maria Ruzzene

Tecnologie digitali e sviluppo umano dopo la pandemia

Tavola rotonda in diretta organizzata giovedì 22 aprile 2021 dall’Accademia Olimpica.
Relatori: Patrizio Bianchi, ministro dell’Istruzione, già rettore dell’Università di Ferrara e neo-accademico, Fabrizio Dughiero, prorettore al trasferimento tecnologico dell’Università di Padova, e Federico Visentin, presidente CUOA Business School, con la partecipazione dei presidenti dell’Accademia, Gaetano Thiene, e della Classe accademica di Diritto economia e amministrazione, Giacomo Cavalieri.
Introduzione e coordinamento dell’accademico Giancarlo Corò.

Sostenibilità ed equità intergenerazionale nel sistema pensionistico – Intervento di Elsa Fornero

Pubblichiamo l'intervento di Elsa Fornero, professore onorario dell'Università di Torino, tenuto online lunedì 15 marzo 2021. L'appuntamento è stato organizzato dalla Classe di Diritto economia e amministrazione dell'Accademia Olimpica in condivisione con i Corsi di Laurea di area economica dell'Università di Verona a Vicenza.
All'evento hanno preso parte tra gli altri Claudio Zoli, presidente vicario della Scuola di Economia e Management, Roberto Ricciuti, accademico olimpico e professore associato di Politica economica, e ancora, per l'Accademia Olimpica, il presidente Gaetano Thiene e il presidente della Classe Giacomo Cavalieri.

Il saluto rivolto a Elsa Fornero dal presidente dell'Accademia Olimpica, Gaetano Thiene

A nome dell'Accademia Olimpica, tra le più antiche accademie del nostro Paese, le porgo un caloroso "Benvenuta a Vicenza". Avremmo preferito averla con noi in presenza, nostra ospite, e farle tenere la conferenza nel Teatro Olimpico di Andrea Palladio, dandole l’opportunità di visitare quella che è considerata tra le più belle città del Rinascimento, patrimonio dell’Unesco.
Fu nel 1555 che 21 personalità culturali vicentine fondarono l’Accademia Olimpica, richiamandosi alla cultura classica greca. Era un periodo di libero dibattito culturale, nelle Lettere e nella Scienza nascente. Pochi anni prima, nel 1543, si erano aperti lo sguardo e l’interesse sul macrocosmo e sul microcosmo, rispettivamente attraverso Niccolò Copernico con la teoria eliocentrica e Andrea Vesalio con l’anatomia del corpo umano. La centralità della Chiesa Cattolica Romana era stata messa in discussione da Martin Lutero e Giovanni Calvino, le cui teorie avevano trovato proseliti in nobili vicentini, poi perseguitati dall’Inquisizione.
Vicenza è stata una culla di novatori: santi, poeti, scrittori, architetti, navigatori, uomini di industria. Non è a caso che nel Dominio veneto della Repubblica Serenissima di Venezia sia fiorita l’Università di Padova e che poli didattici delle attuali Università di Padova e di Verona si siano insediati a Vicenza. Fra questi il Corso di Laurea di Economia, alcuni dei cui illustri docenti sono accademici olimpici.
È un grande onore per noi avere qui oggi, anche se a distanza, la professoressa Fornero che affronterà il tema della spesa pensionistica, oggetto del suo impegno appassionato e coraggioso quale Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali. Non ci è sfuggito l’articolo da Lei pubblicato per la Giornata della Donna, in cui ha affermato che per la donna, più spesso che per l’uomo, il potere è esercizio di responsabilità: un’affermazione su cui riflettere.
Rivolgo al prof. Roberto Ricciuti un vivo ringraziamento per essere stato promotore di questo importante appuntamento e auguro a tutti buon lavoro.

Donne e Scienza 2021 – Il saluto del presidente Gaetano Thiene

In occasione della Giornata Mondiale delle Donne e delle Ragazze nella Scienza 2021, l'introduzione del presidente Gaetano Thiene, che illustra i motivi della partecipazione a questo importante momento di confronto sulla parità di genere in campo scientifico e sui passi ancora da compiere, soprattutto a beneficio delle nuove generazioni.

Donne e Scienza 2021- Cristina Basso

In occasione della Giornata Mondiale delle Donne e delle Ragazze nella Scienza, il videomessaggio di
Cristina Basso
Accademico olimpico
Professore ordinario di Anatomia Patologica – Dipartimento di Scienze Cardio-Toraco-Vascolari e Sanità Pubblica- Università di Padova
Cardiologo e Anatomo-Patologo
Direttore UOC Patologia Cardiovascolare – Azienda Ospedaliera di Padova
Responsabile registro Regionale Patologia Cardio-cerebro-vascolare, Regione Veneto

Donne e Scienza 2021 – Giulia D’Amati

In occasione della Giornata Mondiale delle Donne e delle Ragazze nella Scienza, il videomessaggio di
Giulia D'Amati
Accademico olimpico
Professore ordinario di Anatomia Patologica - Università di Roma Sapienza
Responsabile Programma UOC equivalente "Organizzazione e diagnostica anatomo-patologica del PDTA di patologia mammaria e cardiotoracica"
DAI di Medicina Diagnostica e Radiologia AOU Policlinico Umberto I di Roma

Donne e Scienza 2021 – Maria Berica Rasotto

In occasione della Giornata Mondiale delle Donne e delle Ragazze nella Scienza, il videomessaggio di
Maria Berica Rasotto
Accademico olimpico
Professore di Anatomia Comparata - Dipartimento di Biologia - Università di Padova

Donne e Scienza 2021 – Maria Ruzzene

In occasione della Giornata Mondiale delle Donne e delle Ragazze nella Scienza, il videomessaggio di
Maria Ruzzene
Accademico olimpico
Professore di Biochimica - Dipartimento di Scienze Biomediche - Università di Padova