Transiti italiani – Giorno della Memoria 2021Giornata della Memoria 2021 – Ai miei nipoti… ricordi di Mauthausen di Luigi Massignan, accademico olimpicoGiornata della Memoria 2021 – “Fuori gli ebrei dall’Università!” – Le leggi razziali del 1938Giornata della Memoria 2021 – Le pietre… che verrannoGiornata della Memoria 2021 – Inciampare nel ricordo – ConversazioneI cori di Gabrieli per l’Edipo tiranno del 1585 – #10Giovanni Meneguzzo, l’accademico dei sassi – #9Vincenzo Scamozzi e l’Accademia – #8Gli Atti dell’Accademia e l’Odeo Olimpico – #71948 – Le musiche di Arrigo Pedrollo per l’Edipo re – #6

Transiti italiani – Giorno della Memoria 2021

ll docufilm "Transiti italiani" curato da Biblioteca Bertoliana, Accademia Olimpica e Istrevi, con la collaborazione delle Comunità ebraiche di Venezia e di Padova, Museo della Padova ebraica, Fondazione ex Campo di Fossoli e Museo Monumento al Deportato di Carpi, Fondazione Centro documentazione ebraica contemporanea di Milano, Fondazione Memoriale della Shoah di Milano onlus, Istituto regionale per la storia della Resistenza e dell'Età contemporanea nel Friuli Venezia Giulia e del Monumento Nazionale della Risiera di San Sabba - Comune di Trieste, racconta come anche nel nostro Paese ci sono stati campi di concentramento e di transito.
Ne vengono percorsi alcuni, situati nel Nord Italia, a pochi chilometri da Vicenza, tessendone la storia con esperti e studiosi: il Campo di concentramento di Tonezza del Cimone (57 Km da Vicenza) con Antonio Spinelli e Paolo Tagini, il Campo di concentramento di Vo’ Euganeo (41 Km da Vicenza) con Simonetta Lazzaretto, il Campo di Fossoli e il Museo del Deportato (131 Km da Vicenza) con Marzia Luppi e Chiara Visentin, il Binario 21 alla Stazione Centrale di Milano (204 KM da Vicenza) con Gadi Luzzatto Voghera, infine la Risiera di San Sabba (222 Km da Vicenza) con Tristano Matta.

Giornata della Memoria 2021 – Ai miei nipoti… ricordi di Mauthausen di Luigi Massignan, accademico olimpico

Intorno alla figura dell'accademico, deportato a Mauthausen perché partigiano, una conversazione introdotta e coordinata da Maria Elisa Avagnina, segretario dell'Accademia, con il vicepresidente Mariano Nardello e la docente di Psicologia sociale e accademico olimpico Chiara Volpato.
A seguire, le intense testimonianze di familiari dello stesso Massignan e di altri deportati a Mauthausen: Giovanni Manconi, Torquato e Franco Fraccon, Michele Peroni e Giacomo Prandina.
In chiusura, una personale riflessione di Mariano Nardello.

Evento organizzato a cura dell'Accademia Olimpica nell'ambito del ciclo di iniziative "Inciampare nel ricordo. Condividere una memoria".

Giornata della Memoria 2021 – “Fuori gli ebrei dall’Università!” – Le leggi razziali del 1938

Approfondimenti di Carlo Fumian (L'espulsione degli ebrei dall'Università di Padova), di Pompeo Volpe (“Posti liberi”. La sostituzione dei docenti espulsi) e di Gaetano Thiene, presidente dell'Accademia,  (Tullio Terni, la tragica fine di uno scienziato).
Appuntamento a cura dell'Accademia Olimpica di Vicenza in collaborazione con l'Università di Padova, inserito nel programma “Inciampare nel ricordo. Condividere una memoria” per il Giorno della Memoria 2021.

Giornata della Memoria 2021 – Le pietre… che verranno

Alba Lazzaretto, accademico olimpico e vicepresidente dell'Istrevi, e Marina Cenzon, direttrice dell'Istituto, ci accompagnano attraverso i luoghi di Vicenza che ospiteranno le prime pietre d'inciampo cittadine. Quattro luoghi, quattro storie da raccontare perché ne rimanga la memoria.

Appuntamento a cura di Accademia Olimpica e Istrevi, inserito nel programma delle celebrazioni per la Giornata della Memoria 2021.

 

Giornata della Memoria 2021 – Inciampare nel ricordo – Conversazione

Il significato delle pietre d'inciampo. Il loro ruolo nel dare un nome e una storia a tanti deportati mai più tornati dai campi di sterminio. Ne parlano, in prospettiva vicentina e veneta, Alba Lazzaretto, accademico olimpico e vicepresidente dell'Istrevi, Marina Cenzon, direttore dell'Istituto, Paolo Navarro Dina, consigliere della Comunità ebraica di Venezia, e Gina Cavalieri, vicepresidente della Comunità ebraica di Padova.

Appuntamento a cura di Accademia Olimpica, Biblioteca Bertoliana e Istrevi, inserito nel programma delle celebrazioni per la Giornata della Memoria 2021.

I cori di Gabrieli per l’Edipo tiranno del 1585 – #10

Le composizioni di Andrea Gabrieli per la tragedia di Sofocle, scelta dall'Accademia per l'inaugurazione del suo teatro nel 1585, sono intrise di un fascino che, intatto, attraversa i secoli. Ce ne parla l'accademico Francesco Erle, che nel 1997 diresse la Schola San Rocco in una storica ripresa teatrale di quell'Edipo, per la regia di Gianfranco De Bosio. Quei cori possono oggi essere riascoltati in una registrazione prodotta nel 1999 dall'Accademia.

Giovanni Meneguzzo, l’accademico dei sassi – #9

Giovanni Meneguzzo (1831-1912) fu un accademico olimpico molto particolare. Di umili origini, grazie alla passione per i fossili e alla grande tenacia divenne guida e raccoglitore esperto per paleontologi di tutta Europa, oltre a firmare significative pubblicazioni in materia. Della sua vita difficile e avventurosa ci parla l'accademico Claudio Beschin.

Vincenzo Scamozzi e l’Accademia – #8

L'accademico Luca Trevisan ci racconta l'importante ruolo rivestito da Vincenzo Scamozzi nella realizzazione del Teatro Olimpico progettato da Andrea Palladio, in particolare per quanto riguarda le splendide scenografie pensate per l'opera inaugurale, l'Edipo re.

Gli Atti dell’Accademia e l’Odeo Olimpico – #7

Due collane edite dall'Accademia rivestono un ruolo di particolare rilevanza storica e documentaria: gli Atti, pubblicati dal 1871 al 1924 e ora disponibili anche in formato digitale, e l'Odeo Olimpico, curato dal 1941 e stampato ancora oggi. Della loro funzione ci parla Mariano Nardello, vicepresidente dell'Accademia e accademico bibliotecario.

1948 – Le musiche di Arrigo Pedrollo per l’Edipo re – #6

L'accademico Vittorio Bolcato, conservatore dell'Archivio dell'Accademia, ci guida alla scoperta di un terzo, storico Edipo re: quello rappresentato all'Olimpico nel 1948, con la traduzione e l'adattamento di Manara Valgimigli e le musiche del vicentino Arrigo Pedrollo.