Dal 6 giugno Dialoghi di mezza estate

Tornano i Dialoghi di mezza estate, ciclo di conversazioni tra esperti promosso dall’Accademia Olimpica d’intesa con Gallerie d’Italia – Vicenza e Conservatorio «Arrigo Pedrollo», con la collaborazione del Comune di Vicenza.
Dopo il successo della prima edizione nel 2023, quest'anno gli appuntamenti saranno quattro, dal 6 al 27 giugno alle 18, durante i quali si parlerà rispettivamente di energia, età, risorse idriche e intelligenza del futuro.
Confermata la formula: un dialogo su uno specifico tema tra due relatori attivi in ambiti diversi, così da ampliare il più possibile lo sguardo e stimolare la riflessione.

I quattro "Dialoghi"

Si inizia giovedì 6 giugno alle Gallerie d’Italia – Vicenza con Il mito di Prometeo e la fusione nucleare in compagnia del fisico Piero Martin, dell’Università di Padova, e del filosofo Paolo Vidali, presidente della Classe di Lettere e arti dell’Accademia Olimpica. Quello proposto sarà un viaggio affascinante che dal mitico Prometeo, simbolo del progresso umano sostenuto dall’energia, condurrà fino al sogno della produzione di energia pulita, con la fusione termonucleare controllata.

L'età, se esiste. Saremo tutti immortali? sarà invece il tema intorno al quale mercoledì 12 giugno, sempre alle Gallerie d’Italia - Vicenza, si intrecceranno le opinioni della genetista Isabella Saggio, dell’Università di Roma – La Sapienza, e del filosofo della scienza Giovanni Boniolo, dell’Università di Ferrara. Quale peso hanno i nostri geni, l’ambiente e gli stili di vita nel determinare le dinamiche dell’invecchiamento? Il DNA può essere manipolato per rallentare o fermare l’età di un organismo? Sono solo alcuni degli argomenti che animeranno il dibattito, che spazierà tra scienza ed etica.

Mercoledì 19 giugno, appuntamento alle 18 nel Chiostro del Conservatorio «Arrigo Pedrollo» per Riflessi nell’acqua, in compagnia dell’ingegnere Andrea Rinaldo, accademico olimpico, docente dell’Università di Padova e insignito nel 2023 del “Nobel dell’acqua”, e dell’agronoma Mara Thiene, accademica olimpica e docente dell’Università di Padova. Il loro dialogo, intervallato da brani musicali eseguiti da studenti del Conservatorio, verterà sui problemi sempre più urgenti che emergono dalla crisi climatica e dagli interventi dell’uomo sull’ecosistema. L’appuntamento, denominato Green note rientra nel ciclo di concerti Note a cielo aperto, promosso dal «Pedrollo», che a partire da questa prima collaborazione con Accademia Olimpica e Gallerie d' Italia intende reiterare il proprio impegno su temi ambientali, facilmente abbinabili alla sterminata letteratura musicale riguardante l'argomento.

Ultimo incontro in programma quello di giovedì 27 giugno, nell’Odeo del Teatro Olimpico, dedicato a un altro tema di stringente attualità: L'intelligenza del futuro: naturale o artificiale?. A discuterne saranno lo psicologo sperimentale Paolo Legrenzi, dell’Università di Venezia, e il filosofo Paolo Bottazzini, dell’Università di Milano e dell’agenzia VentunoLab. Quali rapporti si creeranno tra macchina “pensante” e mente umana? Quale delle due si adatterà all’altra? E quali dinamiche si attiveranno, anche sul fronte economico e sociale? Tante le domande sul tappeto intorno a un tema fra i più complessi del nostro tempo.

Ingresso libero a tutti gli eventi, fino a esaurimento dei posti disponibili. Per informazioni: [email protected].